Vai al contenuto principale

IN BREVE

  • Un portafoglio di investimenti si può definire “diversificato” quando contiene varie attività finanziarie, mixando asset class, strumenti, emittenti e aree geografiche
  • La diversificazione è il principio cardine su cui si basa un portafoglio efficiente e orientato al lungo termine
  • Un portafoglio efficiente dovrebbe considerare una diversificazione a 360 gradi: valutaria, geografica, settoriale e temporale

Il 2022 non è stato un anno facile per gli investimenti, anzi, per un portafoglio bilanciato di azioni e obbligazioni globali è stato l’anno peggiore in quasi un secolo. Come puoi vedere dal grafico in apertura, abbiamo attraversato uno degli anni più volatili di sempre. Con numeri del genere, potrebbe essere facile farti prendere dallo sconforto, abbandonare le tue strategie di investimento e ricominciare da capo. Tuttavia, anche se nessuno può sapere con certezza cosa ci aspetta nel breve termine, la storia insegna che esistono delle strategie d’investimento e dei comportamenti che ti permettono di superare con successo i momenti di volatilità e portare a termine gli obiettivi d’investimento che ti prefissi. Tra queste un posto d’onore è sicuramente ancora occupato dalla diversificazione di portafoglio.

Superare l’imprevedibilità

Investire nel 2022 è stato difficile, tra la guerra Russia-Ucraina, l’impennata dei prezzi dell’energia, l’inflazione alle stelle e l’aumento dei tassi. Quando l’economia e i mercati sono così imprevedibili come in questo momento, una delle scelte migliori per rimanere al top è quella di diversificare con saggezza. La diversificazione è infatti un concetto fondamentale per chi vuole investire. Il principio è di puro buon senso, prima ancora che statistico: dal momento che è impossibile prevedere come andranno i mercati finanziari in futuro, è meglio che tu non punti tutto il patrimonio su un unico investimento, ma riparti il rischio su più fronti, cioè su più asset. La speranza è di solito ben fondata, se si ragiona su archi temporali pluriennali, perché un’eventuale performance negativa di un investimento è spesso “attutita” dall’andamento degli altri asset.

Il portafoglio diversificato è rappresentato dal 45% del Dow Jones US Total Stock Market, dal 20% dell’indice MSCI EAFE, dal 15% dell’indice MSCI Emerging Markets, dal 20% dell’indice Bloomberg Barclays US Universal. Si ipotizza che il portafoglio venga ribilanciato annualmente. Per “bolla Dotcom” si intende il periodo compreso tra il 31/12/1999 e il 30/12/2002, per “ripresa dalla bolla Dotcom” il periodo compreso tra il 10/01/2002 e il 12/12/2008, per “crisi finanziaria/grande recessione” il periodo compreso tra il 13/09/2008 e il 9/09/2009,  “Mercato toro di oltre 10 anni” è rappresentato dal periodo compreso tra il 3/10/2009 e il 21/02/2020, “Epidemia di Covid-19 negli Stati Uniti” è rappresentato dal periodo compreso tra il 22/02/2020 e il 23/03/2020 e “Ripresa dalla pandemia” è rappresentato dal periodo compreso tra il 24/03/2020 e il 31/12/2020 

Quando un portafoglio è davvero “diversificato”?

Comincio col dire che un portafoglio di investimenti si può definire “diversificato” quando contiene varie attività finanziarie. Inserire investimenti di tipo diverso dentro un portafoglio serve a ridurre l’impatto assoluto di ciascun singolo investimento sull’andamento complessivo del portafoglio stesso.
Faccio un esempio, immagina di avere 10.000 euro da investire: puoi scegliere di comprare azioni della società "Alfa" oppure creare un portafoglio perfettamente ripartito tra i titoli "Alfa", "Beta" e "Gamma". Se "Alfa" fallisce, nel primo caso perderesti il 100% dell’investimento. Nel secondo, solo il 33% (ammesso che gli altri due titoli restino immobili, perché potrebbero anche salire e coprire le perdite).
Non esiste un solo modo per diversificare: puoi ottenere un portafoglio diversificato puntando su varie asset class (azioni, obbligazioni, materie prime, valute), su diversi emittenti e/o controparti, su un ventaglio di singoli strumenti finanziari e su aree geografiche differenti.

La “dieta mediterranea” degli investitori

Noi italiani lo sappiamo: una dieta ricca e soprattutto variegata è alla base dello stare bene e in salute. Lo stesso vale per gli investimenti. Il cibo è vitale per la nostra sopravvivenza e la dieta che scegliamo gioca un ruolo importante per la nostra salute. Allo stesso modo, un portafoglio di investimenti sano è un portafoglio adeguatamente diversificato tra diversi “nutrienti”. Ma quali sarebbero i nutrienti finanziari di cui abbiamo bisogno?
Ne esistono diversi, così come esistono diversi modi per diversificare gli investimenti. Nessuno esclude l’altro, anzi. L’importante è non affidarsi a un gran numero di strumenti finanziari “a caso”, ma avere in portafoglio strumenti efficienti, ossia che non costino troppo, che abbiano performance storiche di qualità e che provengano da emittenti affidabili.
Tra gli strumenti efficienti puoi quindi iniziare a costruire il tuo portafoglio in salute, diversificando in base ai seguenti criteri.
Diverse tipologie di asset class: come azioni, obbligazioni, materie prime, immobili, liquidità, eccetera, incluse a pesi differenti in un portafoglio per diversificare gli investimenti e ridurre il rischio complessivo.
Diversi settori: il portafoglio dovrebbe essere bilanciato tra più settori economici in modo da ridurre i rischi legati al calo di un singolo settore in determinate circostanze. Per esempio: se il prezzo del petrolio scende, è possibile che diverse società che operano nel settore delle materie prime energetiche vedano scendere il prezzo delle loro azioni. Se hai investito in settori diversi da quello energetico, questo calo di valore avrà probabilmente un impatto minore sul tuo portafoglio.
Diverse aree geografiche: la maggior parte degli investitori è orientata verso gli strumenti emessi nel proprio Paese. Tuttavia, è sempre utile diversificare il portafoglio a livello internazionale, perché un evento negativo per un Paese potrebbe non avere alcun effetto su altri Paesi o avere un effetto positivo.
Diverse valute: la diversificazione valutaria evita di ritrovarti troppo esposto, per esempio, alla valuta del tuo Paese e di perdere qualcosa con la svalutazione del cambio.

La diversificazione messa in pratica

Sebbene diversificare sia forse il più universale e semplice precetto per l’investitore prudente, non è l’unico e di certo semplifica eccessivamente l’idea di costruzione di portafoglio. Occorre infatti monitorare regolarmente il rischio del portafoglio e dei mercati, per poter intervenire all’occorrenza. Queste tecniche di costruzione di portafoglio e gestione del rischio sono però generalmente oltre la portata diretta del risparmiatore. Ciò che tu da risparmiatore puoi fare è sincerarti che chi si prende cura del tuo portafoglio sappia ciò che sta facendo. Un buon consulente finanziario ti potrà certamente aiutare, così come ti potrà affiancare con professionalità nella costruzione del portafoglio stesso.

Powered by

Logo Promobulls
Area riservata